Paura della morte o tanatofobia. Accettare la fine della vita.

Perché si manifesta, quali sono i sintomi, come si può curare

Come dice il famoso detto, ci sono due cose nella vita che sono inevitabili: la morte e le tasse. La differenza è che, per quanto siano poco piacevoli, le tasse sono gestibili, mentre la morte è al di fuori del nostro controllo. Per alcuni di noi, la consapevolezza che un giorno non esisteremo più è talmente spaventosa da influire negativamente sul nostro stile di vita. Questa profonda ansia della morte è conosciuta come tanatofobia, ovvero paura della morte. Temere la morte è del tutto normale e anche utile, ma oltre un certo limite è semplicemente invalidante. Fortunatamente, curare questo disturbo è possibile.

Paura della morte: come si manifesta?

Anche se ogni caso è a se stante, lo sviluppo della tanatofobia è spesso scatenato da un’esperienza vicina alla morte, dalla dipartita di un nostro caro o da una perdita improvvisa, ma anche dalla perdita del controllo. Una volta diventati giovani adulti, chiunque può soffrire di questa fobia, a prescindere dal genere. Uno studio del 2017 ha esaminato come i figli di genitori ricoverati in geriatria reagissero all’idea della morte. È emerso che il livello di ansia nei genitori era relativamente basso, mentre nei figli era molto più alto; inoltre, mentre gli anziani temevano di più l’avvicinarsi della morte piuttosto che la morte stessa, i figli avevano paura della morte in sé ed estrapolavano quel sentimento dai loro genitori.

Sintomi della paura della morte

Recenti studi hanno evidenziato come la paura della morte sia comune tra pazienti che:

  • non hanno una grande autostima
  • non godono di buona salute
  • non sono credenti
  • non si sentono realizzati
  • non hanno relazioni intime con amici o familiari
  • non sono dotati di uno spirito combattivo.

I sintomi della tanatofobia possono essere sia fisici che emotivi.

Quelli fisici includono:

  • palpitazioni
  • capogiri
  • sudorazione
  • tremori
  • nausea
  • vertigini
  • mal di testa
  • paralisi
  • pianti improvvisi

Quelli emotivi includono: 

Chi ha paura della morte può finire per ritrovarsi solo o isolato. In più, potrebbe sviluppare i sintomi tipici della depressione o di un disturbo d’ansia.

Quando cercare aiuto?

Chiunque non si senta in grado di convivere con la propria fobia o ritenga che essa interferisca con la sua vita quotidiana dovrebbe cercare un aiuto professionale. Se abbiamo difficoltà a dormire, a mangiare normalmente o se non riusciamo a pensare ad altro che alla paura della morte, dovremmo contattare un terapeuta il prima possibile. Riconoscere di avere un problema è il primo passo per affrontarlo.

Tanatofobia: come si cura?

Ci sono varie cure efficaci per trattare la tanatofobia, tra cui la psicoterapia, la terapia cognitivo-comportamentale, la desensibilizzazione o le tecniche di rilassamento. Queste ultime comprendono la respirazione profonda, lo yoga, l’arte terapia e la meditazione. Per i casi più gravi, uno psichiatra può prescrivere ansiolitici o antidepressivi, da associare a un percorso psicoterapico.

Vincere la paura della morte attraverso la comprensione

Un modo costruttivo per combattere la paura della morte è conoscerla meglio, imparando quanto più possibile su di essa e sulla fine della vita, in modo da limitare ansia e preoccupazioni per noi stessi e i nostri cari. Possiamo farlo leggendo, ascoltando podcast o guardando video. Più a fondo conosceremo l’argomento, più facile sarà accettare che la morte è un processo naturale, qualcosa che tutti gli abitanti del pianeta Terra hanno vissuto e vivranno. Condurre uno stile di vita salutare è altrettanto utile per aiutarci a contenere la nostra paura della morte: prenderci cura di noi stessi mangiando bene, facendo esercizio fisico e trascorrendo del tempo con le persone che amiamo ci renderà meno ansiosi.

In conclusione

La paura dell’ignoto è del tutto comprensibile, quando si parla di morte. Tuttavia, quando essa inizia a compromettere la nostra vita, è fondamentale cercare aiuto. Un terapeuta professionista potrà aiutarci ad accettare la morte e a considerarla un accadimento naturale. Con Cozily, possiamo iniziare farlo anche oggi, con un semplice clic. 

Hai bisogno di supporto specifico sul tema affrontato in questo articolo? Scarica subito l'App di Cozily!

Alessandra Maghini

Specializzata in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale, esperta in disturbi d'ansia, stress, attacchi di panico, fobie e depressione.

L’App di Cozily può fare per te: una chat anonima con un professionista della materia, direttamente sul tuo smartphone.

Qui sotto i link per scaricarla! I primi 2 giorni conoscitivi sono gratuiti.