Ghosting: quando il partner o l’amico scompare all’improvviso

Che cosa significa? Come reagire?

Se si hanno uno o più profili social o si usano le app per appuntamenti, è quasi impossibile non aver sentito il termine ghosting. Ma di cosa si tratta esattamente? Scopriamolo in questo articolo.

Che cos’è il ghosting?

Ghosting è un termine che viene usato quando si interrompe qualsiasi tipo di comunicazione con una persona con cui prima si aveva un rapporto d’amore o di amicizia. Questa interruzione è spesso improvvisa e inspiegabile, e questo è il motivo per cui si usa la parola ghosting, dall’inglese ghost, fantasma: è come se chi chiude la relazione non sia mai esistito. Il ghosting in sé non è un fenomeno recente, è sempre esistito, ma l’avvento dei social lo ha amplificato rendendo popolare il termine; sparire senza lasciare traccia è infatti estremamente facile, soprattutto perché non comporta ripercussioni nella vita reale.

Perché si fa ghosting?

Fare ghosting è molto più facile di confrontarsi con l’altro e spiegare perché si vuole interrompere il rapporto. Chi lo fa spesso spera che l’altro capisca che non è più interessato e che se ne faccia una ragione. Chi fa ghosting solitamente è un narcisista che cerca di esercitare il controllo sull’altro oppure una persona che non ha raggiunto il livello di maturità emotiva necessario a chiudere una relazione e preferisce evitare il contatto il più possibile. Più si applica questo comportamento, più diventa facile farlo, fino a che diventa quasi istintivo.

Cosa succede alle vittime?

Il ghosting può essere estremamente doloroso e destabilizzante per chi lo subisce: perdere i contatti con una persona a cui si è legati ferisce e confonde. Le vittime del ghosting raramente sono a conoscenza del motivo per cui la relazione è finita e iniziano a colpevolizzarsi per giustificare questa improvvisa mancanza di comunicazione. Pensano al peggio e iniziano ad immaginarsi le cause più svariate per cui l’amico o il partner ha deciso di tagliarli fuori dalla loro vita. Questa è il peggior modo possibile per rompere con qualcuno, perché non c’è una vera e propria fine. Alcuni terapeuti considerano il ghosting una forma di abuso emotivo.  

Cosa fare in caso di ghosting

Ecco alcuni consigli da seguire per rimettersi in sesto dopo aver subito il ghosting.

  1. Concediamoci del tempo per capire cos’è successo, ma non rimuginiamoci troppo

Siamo stati ghostati. É successo, e abbiamo bisogno di tempo per processarlo e capire che effetti ha avuto su di noi. Quello che non dobbiamo fare, però, è rimuginarci più del necessario. Pensare a quello che avremmo dovuto o non dovuto fare per evitare la fine della relazione ci farà soltanto soffrire di più e allungherà il processo di elaborazione. Non dobbiamo sentirci colpevoli. È stata una scelta dell’altro porre fine al rapporto in modo immaturo.

  1. Fare il necessario per andare avanti

Se sentiamo di aver bisogno di qualche giorno di ferie dal lavoro per gestire le nostre emozioni, prendiamolo. Se pensiamo che una crociera di lusso possa aiutarci a voltare pagina, prenotiamola. Facciamo qualunque cosa ci serva per lasciarci alle spalle la relazione e iniziare a guarire. La cosa più importante da ricordare in questa situazione è che dobbiamo essere la priorità di noi stessi. Se continuiamo a mettere gli altri al primo posto e a cercare il contatto con chi ci ha ghostato, non faremo altro che precluderci un futuro migliore.

  1. Chiudiamola noi

È indubbio che il modo migliore di chiudere una relazione sia parlarne con il partner o con l’amico, ma questa non è un’opzione percorribile in caso di ghosting. Dobbiamo quindi essere noi a porre fine al rapporto. Come fare? Non servono gesti eclatanti. Possiamo raccontarlo al nostro diario o parlarne con un amico, oppure possiamo scrivere al nostro ex partner o ex amico una lettera, un’email o un messaggio e scegliere se inviarglielo e/o cancellarlo una volta inviato. Potrebbero non leggerlo mai, ma in ogni caso noi avremo detto quello che volevamo e avremo finalmente messo la parola fine alla relazione.  

 

Se siamo vittime di ghosting e facciamo fatica a gestire la situazione o sentiamo il bisogno di parlare con qualcuno per affrontarla, la cosa migliore da fare è chiedere aiuto a un terapeuta. Con Cozily possiamo iniziare un percorso di terapia online comodamente a casa nostra con un semplice clic.

Hai bisogno di supporto specifico sul tema affrontato in questo articolo? Scarica subito l'App di Cozily!

Matteo Corda

Specializzato in Psicoterapia Ipnotica, utilizzata per il rinforzo delle risorse interne, per il miglioramento lavorativo, relazionale e individuale.

L’App di Cozily può fare per te: una chat anonima con un professionista della materia, direttamente sul tuo smartphone.

Qui sotto i link per scaricarla! I primi 2 giorni conoscitivi sono gratuiti.

×
×

Carrello