Tradimento e senso di colpa

Come affrontare il tradimento e il senso di colpa nei confronti del proprio partner.

Quando qualcuno tradisce in una relazione, entrambe le parti soffrono. Chi ha tradito di solito si sente sopraffatto dal senso di colpa e fatica a fare i conti con quello che ha fatto, mentre chi è stato tradito si sente ferito perché è venuta a mancare la fiducia nell’altro. Se abbiamo tradito il nostro partner e siamo schiacciati dal senso di colpa, da un certo punto di vista, questo è bene. Significa che abbiamo ancora una connessione emotiva con lui/lei, e che comprendiamo le conseguenze delle nostre azioni. Riconoscerle è il primo passo per affrontare il tradimento e il senso di colpa che ne deriva.

Il tradimento: le cause

Il tradimento è più comune di quanto si pensi. In base ai dati raccolti dall’IFOP, il 45% degli italiani ha tradito il partner almeno una volta a un certo punto della sua vita. Questa cifra include sia le relazioni extra-coniugali durature sia i tradimenti isolati.  Nessuno è perfetto e può capitare di sbagliare.

Ci sono molti motivi per cui le persone tradiscono. Per esempio, le donne possono essere più inclini a farlo se manca una connessione emotiva con il partner. La rabbia e la frustrazione sono altre ragioni comuni del tradimento. A volte non si pensa a lungo termine quando si tradisce, si agisce d’impulso. Alcuni lo fanno spinti dal rush di endorfine causato da alcol e droga o perché si sentono eccitati all’idea di un incontro proibito. La psicoterapia può aiutarci a gestire questo tipo di sentimenti in maniera sana: possiamo imparare ad evitare questi comportamenti ad alto rischio in modo da prevenire il tradimento e il senso di colpa nel futuro.

A volte invece il tradimento è una reazione a un problema latente nella coppia. Innanzitutto, dobbiamo essere onesti con noi stessi e chiederci perché abbiamo tradito. È stato per noia? Cercavamo qualcosa che la nostra relazione non ci offriva? O semplicemente l’abbiamo fatto perché ne abbiamo avuto l’opportunità?

Il tradimento è davvero la fine della relazione?

Se sentiamo di essere ancora innamorati del nostro partner e vogliamo continuare a restare con lui/lei anche dopo il tradimento, abbiamo due opzioni. La prima è di essere onesti e di confessare quanto accaduto, così che l’altro possa decidere se proseguire o meno la relazione.

L’altra è di mantenere il tradimento segreto. C’è sempre il rischio che l’altro lo scopra, e di conseguenza potremmo ferirlo molto di più. Tuttavia, in determinati casi, la sincerità può fare più male che bene. Se scegliamo di tacere con il partner, potremmo volerne parlare con uno psicoterapeuta professionista, in modo da capire perché abbiamo tradito e cosa possiamo fare per impedire che accada di nuovo.

In seguito, possiamo arrivare a comprendere cos’è meglio fare per la nostra relazione e come affrontare il tradimento e il senso di colpa nei confronti del partner. Lo psicologo può aiutarci a valutare se sia davvero un bene confessare, e consigliarci cosa dire e come dirlo. A volte si sceglie di essere onesti soltanto per ripulirsi la coscienza. Questo può essere ingiusto, persino dannoso nei confronti dell’altro. Anche in questo caso, un terapeuta può aiutarci a comprendere il vero motivo per cui vogliamo liberarci del senso di colpa.

Se decidiamo di rivelargli il nostro segreto, dobbiamo essere pronti alle reazioni più che normali del nostro partner, che potrebbe innervosirsi fino ad arrabbiarsi o sentirsi ferito e scioccato. Scusiamoci e facciamogli sapere che sentiamo che merita di meglio. All’inizio, potrebbe essere inconsolabile, ma presto capirà che dovevamo necessariamente essere onesti con lui.

Gestire il tradimento e il senso di colpa: le strategie consigliate

Il tradimento può essere invalidante dal punto di vista emotivo. Confessare la propria infedeltà può comportare la fine della relazione, ma almeno ci saremo liberati del senso di colpa. In più, il nostro partner potrà decidere se vuole o meno rischiare di continuare la relazione, quindi le basi del rapporto saranno molto più solide, in quanto fondate sull’onestà. In base alla situazione e al tipo di relazione quindi, c’è una possibilità che l’altro ci perdoni il tradimento. Potrebbe essere comprensivo, soprattutto se ha già vissuto qualcosa del genere in passato.

Se voi e il vostro partner volete lavorare sul vostro rapporto dopo il tradimento, la terapia di coppia può essere molto utile.

Non c’è una risposta giusta o sbagliata, quando si parla di tradimento. Tradire qualcuno di solito va ben oltre l’atto in sé e i motivi che spingono a farlo sono unici per ciascun individuo, situazione e rapporto. Se la nostra mente continua a ripeterci all’infinito “Ho tradito il mio fidanzato/a”, potrebbe significare che non siamo in grado di affrontare la situazione da soli, e che abbiamo bisogno dell’aiuto di un terapeuta abilitato. Il terapeuta non ci dirà mai cosa fare, ma ci aiuterà a capire e ad affrontare il tradimento e il senso di colpa che ci attanaglia.

È importante comprendere i motivi del nostro gesto per impedire che accada di nuovo. Molte persone affermano che sia stata la loro scarsa autostima a indurle a tradire; in questi casi, la terapia è il miglior aiuto possibile. Il sesso può far sentire una persona potente, gratificata, migliore, ma può anche creare una velenosa dipendenza.

Se crediamo di aver tradito per questo motivo, la terapia individuale può aiutarci a ricostruire la nostra autostima in maniera più sana. Se invece siamo insoddisfatti della nostra relazione, e questo è il motivo per cui abbiamo tradito, la terapia di coppia può aiutarci a capire cosa manca al rapporto, in modo da migliorarlo. Possiamo chiedere al nostro partner di aiutarci a soddisfare alcuni bisogni o trovare un modo per farlo da soli.Afrfrontare

Hai bisogno di supporto specifico sul tema affrontato in questo articolo? Scarica subito l'App di Cozily!

Andrea Tommasini

Specializzato in Psicoterapia Psicodinamica, rivolta al miglioramento delle capacità personali e relazionali, dell'autostima e del benessere psicofisico.

L’App di Cozily può fare per te: una chat anonima con un professionista della materia, direttamente sul tuo smartphone.

Qui sotto i link per scaricarla! I primi 2 giorni conoscitivi sono gratuiti.